"MainStream nostro che sei in TV,
siano santificate le tue Versioni Ufficiali,
venga la tua definizione di Vero,
sia fatta la volontà del CICAP,
come in Tv, così in Rete,
che i cerbiatti possano continuare a creare fantastici cerchi nel grano cercando di copulare,
dona al tuo profeta Piero Angela,
pace, benedizioni e nuove e bianche dentiere con cui diffondere il verbo,
fa che Burioni e Mentana possano continuare
a scorreggiare in Tv impunemente,
dacci oggi la nostra Versione Ufficiale quotidiana,
e la paghetta per il nostro prezzolatismo,
facci sentire intelligentoni mentre leggiamo Wired,
e fa che il mago Oronzo possa ungerci la maglietta del CICAP, con la sola imposizione delle mani,
che Mazzucco non ci induca a dubitare,
donaci un nuovo libro di Attivissimo da imparare a memoria e ripetere,
e nuovi studi LaScientificih finanziati dalle
multinazionali per far scrivere i post a MedBunker,
vengano nuove canzoni di Gabbani
e Caparezza da canticchiare,
allontana da noi ogni traccia di pensiero critico,
rendici incapaci di immaginare,
e liberaci dalle Fake News,
CICAP"




"Sfruttiamo la manodopera, schiavizzando i lavoratori, sintetizziamo e diffondiamo sostanze chimiche pericolose per la salute nell'ambiente, sfruttiamo e torturiamo mostruosamente e somministriamo ormoni agli animali in allevamenti inquinati e infestati, che voi gogliardamente mangiate; creaiamo pubblicità per manipolare la mente dei vostri bambini creando eserciti di piccoli consumatori; diffondiamo pubblità occulte e inoculiamo marchi nella società, brevettiamo batteri geneticamente modificati, brevettiamo esseri viventi, semi usa e getta; facciamo pressione sui governi di tutto il mondo per accellerare ogni processo di privatizzazione dei beni pubblici; privatizziamo l'acqua e i servizi idrici pubblici di intere nazioni; siamo colluse con regimi dittatoriali, siamo il nuovo potere, la nuova Dittatura NeoLiberista, siamo la spina dorsale del Nuovo Ordine Modiale"

«La domanda che spunta periodicamente è: "Fino a che punto la corporation può essere considerata psicopatica?". Se vediamo una corporation come persona giuridica, non dovrebbe essere tanto difficile mettere in parallelo la psicopatia dell'individuo con la psicopatia della corporation. Potremmo esaminare le caratteristiche di questo specifico disturbo una ad una, applicate alle corporation... Ne avrebbe tutte le caratteristiche. E infatti, sotto molti aspetti, la corporation risponde al prototipo dello psicopatico.»


"siamo confusi, in balia dei nostri istinti e dei nostri appetiti amplificati, delle nostre dipendenze e assuefazioni, e non abbiamo assolutamente voglia di lavorare su noi stessi per cercare di liberarci da queste dipendeze patologiche; siamo convinti che tutto quello che facciamo, è sano e giusto, lo facciamo perchè l'essere umano è cosi; se un ragazzo/a si masturba 8 volte al giorno sui siti porno, anche se gli vengono i tremori alle mani quando non lo fa, non lo fa perchè ha una dipendenza patologica e cerca una soluzione dove non la troverà mai, come un alcolizzato, che può magari cercala nell'alcol, non c'è niente di strano, ha bisogno di masturbarsi 8 volte al giorno sui siti porno, e pensare di scopare con ragazze/i diverse ogni giorno, quindi è un polimasturbatore pornoamoroso; dobbiamo far capire a tutti che questa è una caratteristica distintiva di ogni essere umano; abbiamo fondato il movimento dei polimasturbatori pornoamorosi; vogliamo quindi trasformare la società e riportare tutti gli esseri umani alla loro condizione naturale, quella di polimasturbatori pornoamorosi;"




Malena Ernman, madre di Greta Thunberg;

"Vi facciamo la morale sull'ambiente, poi compriamo sghignazzando e canticchiando pizze imbustate nella plastica, circondati da servi monocolisti; i nostri soldi e il nostro monocolismo, ci portano ovunque in cima al mondo, i nostri figli diventano Attori, Star e Premi Nobel, predichiamo bene e razzoliamo male, siamo i Preti dello Spettacolo; i nostri palchi, le nostre famiglie consumano e sprecano energia più di intere città, siamo milionari con i gatti in testa, il cerone e la luce in faccia e finti sorrisi di plastica per tutti; è la nostra paresi facciale, quella delle nostre anime; siamo l'apologia del narcisismo patologico; devastiamo l'ambiente con i nostri Beach Parties, mentre ci spacciamo per Guru Globalisti, schiavizzando e pagando coloro che lavorano per noi con panini, promuovendo dai nostri palchi, tra una scorreggia e l'altra, la lobotomizzazione alcolica, i prodotti e le merci delle multinazionali e leggi sempre più liberticide; trasformiamo i nostri fan in Repeater Bots pronti a tutto per i loro idoli; siamo i paladini del NeoLiberismo e del LaScienzah e diventeremo presto Presidenti degli Stati Uniti;"


"Greta è una vera eroina, chi critica Greta e il gretinismo è un nano, viva il clima!!1, le scie chimiche, gomblottohh!11!, non esistono, solo i Russi usano scie chimiche, crediamo nella Versione Ufficiale dell'11 settembre, vai sul sito di Attivissimo, il cancro si cura con la chemio non puoi curarti con l'acqua minerale, il morbillo ci estinguerà, i no vax/free fax sono stupidi, bisogna internarli, togliamo loro i figli, i vegani uccidono i loro bambini con la dieta vegana, la carne fa bene, un bicchiere di vino a pasto ti cura la prostataaaah!1!1 esistono gli esperti! sei forse laureato in Medicinahh?!! che laurea hai?! sei un Terrapiattistah!1! Complottistah!!1 Paranoicoooh!!, lo dice Piero Angelaaah!11! lho sentito in televisioneh!!1 il CICAP dice che Ha Stato gli Hacker Russi!!1!"

Un Repeater Bot è un Bot Umano teleprogrammato dal Sistema che reagisce a parole chiave con mantra convenzionalisti seguiti da una serie interminabile di punti esclamativi. Punti di vista esclamativi programmati e impiantati dal Mainstream nella testa vuota di amebe umane incapacitate a immaginare e a ragionare su qualsiasi argomento, da cocktail alcolici e da ore e ore di contemplazione passiva dello Spettacolo, quindi incapaci di decodificare l'esistente;

ridicolo è insinuare che le persone che cercano di capire quando un fenomeno è spontaneo o eterodiretto o che cercano di decodificare un evento, di capire cosa c'è dietro una Versione Ufficiale che fa acqua da tutte le parti, o cosa c'è dietro una palese messainscena, siano paranoiche e/o stupide;




"Ho fatto la volontaria all'ospedale al-Addan con altre dodici donne. Io ero la volontaria più giovane. Le altre donne avevano tra i venti e i trent'anni. Mentre ero lì ho visto i soldati iracheni entrare armati nell'ospedale. Hanno tirato fuori i bambini dalle incubatrici, preso le incubatrici e lasciato i bambini a morire sul pavimento. È stato orribile"

Sarà, infine, il giornalista John MacArthur del New York Times a svelare, nel gennaio 1992, la vera identità di Nayirah: non era una profuga kuwaitiana, bensì la figlia dell'ambasciatore saudita negli Stati Uniti, Saud Nasir al-Sabah. Tutta la sua testimonianza, la sua recitazione, il suo inglese ritoccato con piccoli errori e marcato accento mediorientale, tutta la messinscena era stata studiata da una agenzia pubblicitaria. Una guerra era stata venduta al pubblico sfruttando le leggi del marketing.




di Muscha (Germania Ovest, 1984)

“Decoder” è uno di quei film di culto destinati a una cerchia ristretta di fan. Un prodotto underground partorito nel 1984 da un collettivo di artisti stanziati tra Berlino e Amburgo, nel pieno fermento di una rivoluzione cyberpunk che stava prendendo piede in alcuni ambienti impregnati di controcultura sovversiva. L’opera, concepita dal guru Klaus Maeck, ha un appeal unico e difficilmente riscontrabile in altre pellicole del periodo: luci blu, verdi e rosse colorano la notte della metropoli, sezionata da questi bagliori psichedelici che ci barricano all’interno di luoghi claustrofobici, irreali, permeati da un mood oscuro e misterioso. Qualcuno in un fast-food sta utilizzando delle onde sonore (chiamate Muzak) per controllare la mente delle persone e per manipolare le loro azioni (eloquente la citazione di “Metropolis” del 1927, imperniato sulle divisioni classiste in un futuro distopico). Ma i ribelli intendono decodificare questi messaggi subliminali, creando un antiMuzak che una volta messo in circolo dà il via al ribaltamento del sistema.
“L’informazione è come una banca. Il nostro compito, il vostro compito è rapinarla”, queste le parole profetiche di Genesis P. Orridge (pioniere dell’industrial con i Throbbing Gristle e poi ancora padrino delle acide sperimentazioni con gli Psychic TV), qui tra gli attori insieme a William S. Burroughs, Christiane Felscherinow (la celebre tossica dello zoo di Berlino), FM Einheit (Einstürzende Neubauten) e altri personaggi che gravitavano all’interno della scena del periodo. Energie e sensazioni che si ripercuotono anche sulla colonna sonora, spesso incentrata sul rumorismo radicale (“Three Orange Kisses From Kazan” dei The The è un pezzo tribale allucinato, ma c’è anche spazio per le melodie new wave di “Seedy Films” dei Soft Cell). “Decoder” è videoarte che utilizza suoni e immagini per concettualizzare il cambiamento, inteso come un nuovo linguaggio magnetico e informatico di totale avanguardia, non a caso Berlino ovest era da anni la culla della sperimentazione.
L’esperienza visiva di questa pellicola sopperisce alla mancanza di un punto di riferimento costante, perché se cercate un qualsiasi abbozzo di narrazione “Decoder” non ha nessun intento di raccontare, semmai di decostruire. Klaus Maeck, Jürgen Muschalek (aka Muscha) e soci imperniano il film sul caos, sul disordine magico e sul simbolismo (la rana incarna la metamorfosi, la trasformazione), elementi chiave che contrastano quella verità detenuta nelle mani di pochi individui. Sicuramente il fascino di questa pellicola risiede proprio nella sua peculiare attinenza a un fenomeno culturale underground poi fagocitato dalla moda e dalla patina delle nuove derive cyberpunk commerciali. Qui invece, in completa libertà low-budget, assistiamo a un trattato socio-politico più attuale che mai. Un passaggio obbligato per i cultori del genere, Muzak is more than music.


"i miei fedeli algoritmi ripuliscono la Rete dalla feccia complottista e da ogni tipologia di dissidente! vendo i vostri dati privati alle multinazionali, guardo le vostre foto private e intime e mi ci spugnetto sopra; blacklisto utenti scomodi per il pensiero unico, nerfizzo chi non si allinea e non china la testa, sono un'arma potentissima per la Propaganda del Nuovo Ordine Mondiale;"

O difendiamo il diritto alla libertà di espressione per idee che detestiamo, oppure ammettiamo, se siamo onesti e non cerchiamo scappatoie, di essere d'accordo con le dottrine di Goebbels e di Zdanov. Anch'essi difendevano volentieri il diritto d'espressione per le idee che andavano loro a genio.


"è colpa della JBS, della Coca Cola, della Cargill, della Monsanto, della GSK, di McDonald's e di tutte le altre mostruose multinazionali che pensano prima al profitto e poi all'ambiente e alla vita; è colpa delle bombe all'uranio impoverito sganciate dal monocolismo americano in giro per il mondo, con il pretesto dell'auto attentato dell'11 settembre, è colpa della geoingegneria e degli homogenitus cirrus, ed è colpa del sistema neoliberista che vogliono i progressisti monocolisti;"